SEMPLICEVERITA'

TUTTO E' RELATIVO, MA SOLO UNA E' LA VERITA'

Share






Senza incentrare i nostri propositi e la nostra comprensione della vita nel suo complesso sul TETRAGRAMMATON non può esserci vita. Così come il mondo materiale non può esistere al di fuori del tempo e dello spazio, allo stesso modo noi non possiamo esistere al di fuori del YHVH.. come viene confermato in questa scrittura: "Difatti, IN LUI viviamo, ci moviamo, ed ESISTIAMO, come anche alcuni vostri poeti hanno detto: Poiché siamo anche Sua [discendenza]" (Atti 17:2)


All'interno del tempo e dello spazio, per perpetuare la nostra stessa esistenza è necessaria ENERGIA. Non molto tempo fa è stato scoperto il “moto di Brown”, ed è idea oggi, condivisa da molti, che ogni cosa nell'Universo abbia energia e movimento. Ma l'energia cinetica all'interno degli atomi NON PUO' essere [compresa o spiegata] al di fuori di una INVISIBILE FORZA ENERGETICA. Così se l'Umanità vuole COMPETERE con YHWH deve costruirsi la sua propria TEORIA di “CREDO” TRAMUTANDO LA REALTA' IN "TEORIA". 


Ecco come la religione connessa ad ogni aspetto del Six-Tema, compete con la Verità.


La religione UNIVERSALE è quella SUMMA di IDEOLOGIE o "teorie" umane INTERCONNESSE a quello che è stato definito "DIVINO".. tradotto in.. "INTELLIGENZA" SUPERIORE o SUPERUOMO (dio in sè)..!! 


Questo è in NEOLINGUA la definizione corretta e VERA di quello che alle masse è stato insegnato e presentato come "O'Theos" (dalla filosofia Greca) cioè Dio (SE').


Questo è quello che intendono davvero le ELITE ILLUMINATE quando parlano di Dio in pubblico.. dal Re al Presidente, dal Papa al mistico, dal satanista al religioso, dal filosofo all'intellettuale, dal ricercatore allo scienziato, ecc. 


Ma questo è anche ciò che intende INCONSCIAMENTE (perchè inoculato fina dalla nascita con il vaccino  della "teoria") il "volgo" dei Goiym quando parla CONVINTO del SUO [ateismo] o del SUO [intellettualismo] o del SUO [scientismo] o del SUO [Dio].. appunto SE'.


La religione, la politica, la filosofia, la scienza ed ogni parto della mente carnale hanno come FONDAMENTO LA RELIGIONE UNIVERSALE o ILLUMINAZIONE FINALE..!! Prima OCCULTA la verità, poi ci imbastisce sopra una storia FONDATA SU MEZZE VERITA' per dirigere il bestiame umano verso il mattatoio.


BABILONIA



PERCHE' E' COSI' IMPORTANTE CONOSCERE E PRONUNCIARE IL TETRAGRAMMATON YHVH..?? 


Perchè il Creatore della Vita ha dato la Sua Parola NELLA REALTA' (Verità), NON NELLA "TEORIA" (Menzogna).


Abbiamo nel mondo una tale varietà di "teorie" che possono coprire ogni singolo gusto personale, che vanno a soddisfare l'ego-sè (O'Theos), dal filosofico al poetico, dal tecnico allo scientifico, dallo spirituale al religioso, dall'ideologico al politico..!!
Perciò a prescindere da quale "gusto" uno scelga, rimane sempre nel negozio del gelataio e rimangono SEMPRE molte domande. Perchè siamo qui ..?? Quale è lo scopo della vita..?? E' tutto qui quello che esiste..?? Se l'uomo è la misura di tutte le cose, perchè distrugge, rovina, uccide, inganna e inquina il pianeta..?? Perchè ci sono così tante contraddizioni che opprimono l'umanità..?? 
Perchè.. perchè.. perchè..?? 


Certamente queste sono domande profonde che vengono evitate dalle masse a favore della gratificazione materiale immediata. In tal modo l'uomo sceglie di essere in COMPETIZIONE con YHVH.. ed essere SE STESSO la misura di tutte le cose, [ESSERE] (da quì l'etimologia dell' IO SONO propagandata subliminalmente nella Cristianità anche attraverso l'errata interpretazione di ciò che è scritto nella stessa Bibbia) ottenendo la salvezza da tutti i mali nel mondo, da O'Theòs (Dio). 


IL XHRISTOS (Dio) IN SE' O CHE SCENDE IN SE'.. BASTA UNA PREGHIERA.. o raggiungere l'illuminazione.. PER ESSERE SALVATI..!!


Ed è proprio qui che è contenuta l'ironia..  PERCHE' L'UOMO HA GIA' [DIMOSTRATO] DI [ESSERE] (IO SONO) CAPACE DI MANGIARE IL FRUTTO DELLA CONOSCENZA TRA IL BENE E IL MALE ... scegliendo la propria auto-distruzione, sia attraverso la sua religione che attraverso il suo intelletto. 


Alla fine l'uomo non è in grado di dimostrare niente se non che le Leggi Morali Universali di YHVH sono Giuste (Realtà=Verità) e che le PROPRIE elucubrazioni sono errate (Teoria=Menzogna). 


Le traduzioni di Isaia 26:3 di solito traducono l'originale termine "yetser" come “mente”, ma questo termine si riferisce specificamente a quello che la nostra mente produce secondo la nostra immaginazione, o l'immagine dei nostri pensieri. Noi siamo stati creati con la capacità di conferire e interagire con YHVH riguardo ai nostri pensieri e fantasticazioni per cercare la Sua saggezza per valutare i nostri pensieri secondo il metro del Suo Giusto Giudizio. 


Abbiamo l'opportunità di invitare lo Spirito di YHVH, lo stesso del MashiYah a giudicare i nostri pensieri ed aiutarci a sottoporli a Lui. Dobbiamo indirizzare i nostri pensieri a Lui per tenerli al sicuro dall'inquinamento ideologico della menzogna che semina ogni sorta di erba infestante nella nostra vita intellettuale e spirituale. Invece, quando l'immagine dei nostri pensieri è fissa sulla Giustizia di YHVH, noi entriamo nella realtà, la Verità, non una realtà nuova ma una realtà che è sempre esistita ... solo che eravamo troppo distratti da pensieri materiali e ideologie teoriche per entrare nello stesso Spirito del MashiYah.

Yhaushua Ha'MashiYah dichiara che nei tempi della fine, la terra sarà proprio come era ai tempi di Noè prima del diluvio, e prima della distruzione di Sodoma e Gomorra, e questo è esattamente lo stato odierno del mondo. 


L'uomo è continuamente impegnato nel male, ed i suoi pensieri sono continuamente malvagi. Anche il vostro pastore, parroco, maestro, anziano, professore, presidente, ecc. vi confermerà che la sua chiesa, congregazione, partito, setta, classe, scuola, centro, ecc. ha in genere uno "spirito" menzognero e cattivo. Agli IPOCRITI ed ai bugiardi orgogliosi in Geremia 17 è dichiarato: essi “si arricchiscono, ma con l'ingiustizia”, essi “hanno abbandonato YHVH”; per una deità pagana chiamata Je-Zeus, “essi non ascoltarono, né prestarono orecchio, anzi si intestardirono a non ascoltarmi e a non accogliere la lezione”, essi “non ascoltarono il Mio ammonimento a santificare il giorno di sabato e a non portare nessun peso”


Il sabato odierno è quello dello Spirito YHVH.. ma la maggioranza invece di dedicarsi a NON PORTARE PESI.. (materialismo, filosofia, intellettualismo, politica, religione = TEORIE) per dedicarsi completamente al progetto di VITA del Creatore.. continua a "desiderare" le teorie (menzogna) e a NON VOLER VEDERE la realtà (Verità), pagandone il prezzo.. la crisi economica è SOLO L'INIZIO..!!


Ok così ora potete prendervela con i vostri CAPI, che poi è esattamente quello che fa la maggioranza della massa che IGNORA la realtà (Verità). Ma è solo COLPA NOSTRA la NEUROCONFUSIONE e lo sfacelo che vediamo, di cui poi ci lamentiamo.. l'uomo NON VUOLE VEDERE LA REALTA' NON VUOLE ASCOLTARE LA VERITA' [YHVH] ... esso vuole la MATRIX.. la bistecca virtuale..!!


LA RELIGIONE 


L'immaginazione di molti capi religiosi è continuamente rivolta al male ma essi appaiono belli agli occhi dei loro seguaci, si imbiancano con parole e azioni pubbliche cariche di carisma e spiritualità.. dicono le parole che i loro seguaci vogliono sentirsi dire.. I loro sermoni standardizzati d'incoraggiamento, di impegno nella predicazione e di motivazione costringono le pecore a restare a bordo della nave, pagare le decime e portare altri in chiesa così che tutti possono andare in paradiso come una sola grande (ma ribelle allo Spirito di Verità)  famiglia, questo è davvero un messaggio molto popolare tra le religioni del mondo sia in occidente che in oriente.

Yahushua ha detto di questi: “attraversate mari e monti per fare un proselito e quando costui lo è divenuto, lo renderete doppiamente un figlio della perdizione di quanto non lo siate voi stessi” (Matteo 23:15). I pastori di ogni religione sono stati addestrati nel compromesso e nella manipolazione, hanno giurato nel loro cuore ingannevole di seguire la BESTIA 666 dovunque vada e di portare con sé il loro gregge, se così non fosse non sarebbero così "disperatamente impegnati a parlare" CONTRO YHVH e la SUA VERITA'. Se non fossero mercenari al soldo della Bestia avrebbero il timore di YHVH e si rifiuterebbero di annacquare la Verità. 


Invece, il prezzo dell'essere VERI DISCEPOLI è di VIVERE CORAGGIOSAMENTE ed insegnare che le Leggi morali Universali di YHVH vengono scritte nel cuore e si VEDONO DAI FRUTTI.. nelle scelte di vita giornaliere, nei comportamenti personali anche quando nessuno sembra vederci, con quale linguaggio ci si rapporta con gli altri, quanto sacrifichiamo di nostro per altri e se lo facciamo per "apparenza" o "appartenenza", se pieghiamo la Sua Verità al nostro interesse personale, se frapponiamo le nostre "teorie" alla Sua Giustizia, ecc. ... infine di perseguire la Sua Giustizia piuttosto che la giustificazione dei propri peccati attraverso una preghiera che poi si mostra FALSA alla POTENZA dello Spirito che opera nel cuore ... e tra le due cose c'è una bella differenza..!!

Certamente ci vuole del tempo per valutare tutti i pensieri e le azioni ed imparare quello che YHVH richiede a ciascuno di noi. Certamente questo è qualcosa che non succede automaticamente, ma non succederà mai se una persona non ha la buona volontà di seguire il MashiYah e di osservare scrupolosamente la Legge che Lui scrive nei cuori per apprendere il timore di YHVH piuttosto che il [timore degli uomini]. 
 
La Giustizia nel mondo non si verificherà mai e non può verificarsi se ogni volta che una persona ha una domanda "esistenziale" si rivolge alla BABILONIA [MATRIX] per avere la risposta. Tutto ciò che otterrà da queste guide sarà quello che le stesse hanno a loro volta imparato dalle loro guide umane, e così via fino al padre della menzogna.. il GRAN MAESTRO OCCULTO.. il dio che promette la divinità e la salvezza del genere umano travestendosi da benefattore luminoso (Helel = Lucifero).
Molte volte se questo ministro di luce non sa rispondere.. si INVENTERA' qualcosa (la teoria = menzogna) giusto per soddisfare il VOSTRO Ego-Sè (il vostro Dio personale) e farvi stare tranquilli. Da questo li riconoscete, se non vi MOSTRANO come FARE la Volontà Sua (i frutti) .. ma se questa Volontà NON la conoscete affatto nel [significato] profondo di YHVH, come farete a riconoscerli..??

YHVH rivela il significato della realtà e delle giuste regole della vita nell'universo anche all'interno dei più piccoli elementi che Egli ci richiede di osservare,  come conferma lo stesso Yahushua: "Io non sono venuto ad abolire la legge... ma a renderla perfetta.. perchè vi assicuro che fino a quando esisteranno il cielo e la terra, nemmeno la più piccola parola, anzi NEMMENO UN VIRGOLA, sarà cancellata dalla Legge di Elohà; e così fino a quando tutto sarà compiuto" (Matt. 5:17-20),  se Lo cerchiamo Lo troveremo. 


Se sappiamo che veniamo alla realtà dell'esistenza attraverso la FONTE YHVH e siamo fatti a Sua immagine avremo un potenziale illimitato per realizzare il nostro destino finale ora in questa vita e nel Mondo a Venire.. così come ci ha mostrato  Suo Figlio il Messyah Yahushua portando su di sè e dentro si sè il [SIGNIFICATO] stesso della realtà.. la VERITA'..!!


Il ribelle e bugiardo intellettuale [figlio delle teorie] (la menzogna) un giorno inchinerà il capo nell'umiltà meravigliandosi di quale miracolo YHVH sia, è scritto: 


"Le Nazioni lo VEDRANNO e saranno confuse, nonostante tutta la loro potenza, SI METTERANNO LA MANO SULLA BOCCA e le loro orecchie saranno assordate.." (Michea 7:15-17)


Ma che ne sarà di quelli che sostengono di essere “Credenti” e disprezzano l'Unico Vero YHVH..??

E' ORA DI STACCARE LA SPINA DALLA BABILONIA PER SEMPRE


Vi accorgerete che non è così facile e comodo fare questo ... i [compagni di casacca] vi rimprovereranno (anche dietro le vostre spalle) quando comincerete davvero a VIVERE per YHWH e per il Suo MashiYah.. la REALTA' VERITA'. Scoprirete che sono proprio i “credenti”, i religiosi, che sono i più ardenti adoratori di sé stessi e quelli che si sentono più offesi da quelli che non giocano i loro giochetti religiosi secondo le loro regole.


Purtroppo le cose stanno così. Stare staccati da YHWH vuol dire essere staccati dalla  VERA presa della VITA..!! Significa essere "morti" spiritualmente anche se vivete ancora fisicamente fino all'evento finale. 


Così finchè la Realtà (Verità) sarà disdegnata dalla Matrix luciferina e tenuta nascosta dalla Elite del SIx-Tema del mondo della teoria (menzogna).. rimane un'unica opzione possibile per la vita, odierna e futura.. cioè: Amare YHVH, osservare i Suoi statuti di vita e riporre tutta la propria fiducia, seguendo il Completo e Perfetto stile di vita e di pensiero, in Yahushua il MashiYach.. IL LIBERATORE dell'umanità.

YAH'u'WEH sia con tutti quelli che amano la Verità
 








(sotto la trascrizione del testo contenuto nel video)

Di solito, più un testo è antico, più esso è considerato autorevole ed affidabile.
Dal momento che la "Settanta" è una traduzione ufficiale dell'antico testo ebraico, e dal momento che essa è notevolmente più antica del testo Masoretico, in realtà dovrebbe essere il testo ebraico Masoretico ad essere stato alterato.

Alcuni studiosi vedono nella differenze tra la Settanta ed il testo Masoretico una dimostrazione del fatto che il testo Masoretico potrebbe essere stato alterato intenzionalmente, con il proposito di screditare il Nuovo Testamento (Patto Rinnovato). Molti studiosi concordano sul fatto che il testo ebraico Masoretico fu elaborato nel corso di molte centinaia di anni (c.ca dal 700 al 1000 d.C.), in un tempo in cui gli ebrei venivano perseguitati in Europa.

Il proposito dichiarato del testo Masoretico era di standardizzare il testo, di correggere eventuali errori che si fossero insinuati nel testo nel corso dei secoli, e infine di standardizzare la pronuncia dell'ebraico, attraverso la definizione e lo sviluppo di un sistema di vocali scritte.


Tuttavia, alcuni studiosi hanno anche suggerito che il testo Masoretico avrebbe avuto un proposito segreto, quello di alterare il testo, e in tal modo indebolire la fede in Yahushua e al contempo rafforzare le tradizioni rabbiniche. 


Ma come viene influenzato tutto questo dalla tradizione rabbinica di nascondere il nome del Padre?

C'è disaccordo tra gli studiosi sul momento preciso in cui avrebbe avuto origine questa pratica, e sul suo perchè, ma alcuni credono che questa pratica cominciò al tempo in cui gli Ebrei andarono in esilio a Babilonia. 


I Babilonesi credevano che il nome del loro dio Marduk fosse così sacro che non dovesse essere pronunciato a voce; e si facevano beffe degli Ebrei per la loro abitudine di usare il nome del Creatore nei saluti e nelle benedizioni quotidiani, (soprannominadoli: YAHOO - ndr). Essi allora smisero di pronunciare il nome del Creatore (Esodo 20:4), per impedire ai Babilonesi di pronunciarlo invano.

La tradizione vuole, di usare il termine “Adonai”, che significa “Signore dei Signori”, al posto del tetragramma durante i momenti di preghiera, e di usare il termine “HaShem”, cioè “il nome” in ogni altra circostanza. 


Secondo la tradizione secolare (non secondo quanto richiesto dal Creatore nella Sua Parola scritta - ndr), il nome divino può essere pronunciato ad alta voce solo una volta all'anno, da parte del sommo sacerdote. Per impedire a chiunque altro di pronunciare ad alta voce il nome divino, questo fu quindi nascosto a tutti tranne che a pochi eletti, e i pochi eletti dovevano trasmettere di generazione in generazione la pronuncia corretta (solo in segreto) per via orale.
I Masoreti collocarono poi i punti vocalici nel teragramma all'interno del testo Masoretico, imponendo al lettore di non pronunciare il nome come esso era scritto, ma di sostituirlo di volta in volta con “Adonai”.

Ciononostante, alcuni studiosi credono che dal momento che l'usanza secolare era di non pronunciare il vero nome, e dal momento che la tradizione imponeva che la vera pronuncia dovesse essere celata a tutti tranne che a pochi eletti, le vocali aggiunte nel testo Masoretico avessero lo scopo di mascherare la vera pronuncia.
Ma se i Masoreti possono aver messo le vocali sbagliate per nascondere la pronuncia del vero nome, e se le vocali inserite nel tetragramma sono lì solo per ricordarci di dire “Adonai” al posto di YHVH, allora quale è la pronuncia corretta del nome del nostro Creatore?

Poiché la pronuncia di una determinata parola ebraica può cambiare a seconda delle combinazioni di vocali e consonanti, sapere con esattezza la corretta pronuncia (visto che le vocali inserite dai Signori della Tradizione sono di parte - ndr) non è certamente cosa semplice. Però ci sono varie ipotesi molto accreditate, tra cui la seguente:
Ricapitolando, la lettera ebraica Yod si pronuncia “yuh”, “ee” o “yee”, corrisponde cioè ad un suono “i”, “ai” o “y”.
La lettera ebraica Hay si pronuncia “ah”, “eh” o “huh”, ed ha fondamentalmente il suono di un'acca Aspirata;
la lettera ebraica Vav si pronuncia “vuh”, “wuh”, “oh” o “oo”, corrisponde cioè ad un suono “v”, “w”, “o” o “iu”;
l'ultima lettera Hay si pronuncia “ah”, “eh” o “huh” e corrisponde al suono di un'acca Espirata.

Sulla base di questo spelling, diversi studiosi accettano la seguente ipotesi sulla pronuncia del nome divino:

la prima lettera Yod suona come “yee”,
la seconda lettera suona come “ah”,
la terza lettera Vav suona come “u”,
e la Hay finale suona come “eh”.

Da qui verrebbe la pronuncia “Yahu-eh”.

Questo nome è spesso scritto in inglese come YAHWEH, oppure YAHUWEH.
Esistono altre variazioni, e discuteremo di una di esse.
Un'errore comune è cercare di applicare all'ebraico le regole grammaticali dell'inglese; dobbiamo ricordare che la grammatica ebraica non è la grammatica inglese: è diversa.
Tuttavia possiamo farci un'idea se consideriamo le parole inglesi “omni” (che significa “tutto”); e “potent” (che significa “potente”); insieme queste due parole si pronunciano “omnipotent”, che ha una pronuncia diversa da quella delle due componenti pronunciate separatamente.

Una popolare variazione del tetragramma è di cominciare con il nome della tribù di Giuda, che è “Yehudah”, o come dicono alcuni “Yàhudah”.
Sottraendo la lettera Dalet che dà un suono “d”, si rimane con “Yehuah” o “Yahuah”.
A questo punto la pronuncia è uguale a quella del Tetragrammaton.
Quale che sia la pronuncia corretta, dobbiamo ricordare di non dare troppa importanza allo spelling di questo nome in inglese.
Non esiste un'unica pronuncia corretta del tetragramma in inglese, dal momento che l'inglese è una lingua pagana, e non è né l'ebraico né l'aramaico. Piuttosto la cosa importante dovrebbe essere imparare a leggere l'ebraico e progredire da quel punto.

Dobbiamo considerare anche un'altra possibilità:
Che non esista affatto un'unica corretta pronuncia del tetragramma?
Genesi 2:7 ci dice che Yahweh soffiò nell'uomo l'alito della vita:
alcuni suggeriscono che YHWH sia il nostro “respiro della vita”, e che il suono del suo nome ricordi il suono del respiro umano.
Secondo questa spiegazione, lo Yod-Hay avrebbe forse il suono “Yah”, o il suono dell'inspirare, mentre il Vav-Hay avrebbe forse il suono “uweh”, cioè il suono dell'espirare.
“Yah-uweh” - (aspira - espira)
“Yah-uwah” - (aspira - espira)
Ricordiamo che questa è un'ipotesi. E che nessuno sà veramente come si pronuncia perfettamente il nome divino.
Se questa ipotesi però è quanto di più reale abbiamo, allora una qualsiasi pronuncia “soffice” come in “Yahweh”, “Yahuweh” o “Yahuwah” è teoricamente corretta, poiché tutte queste si avvicinano al suono del respiro umano.

La verità è che nessuno sa veramente come si pronuncia il nome divino, poiché la pronuncia originarianon fu trascritta. dell'episodio del roveto ardente
L'esatta pronuncia del Suo nome non ci è nota, ci è stata nascosta.

Allora sorge una domanda: Può essere che YHWH consentì che la pronuncia del Suo nome ci fosse nascosta, proprio per vedere come ci saremmo comportati gli uni con gli altri nel mezzo di una tale confusione?
1 Giovanni 4:8 ci dice che YHWH è AMORE, quindi se abbiamo una profonda relazione interiore con Lui, non dovrebbe il nostro cammino riflettere questo stesso amore?

Possa YHWH dare a tutti noi la sua pazienza con noi e questo amore, ad ogni fratello e sorella che cerchi sinceramente di seguire gli insegnamenti del Padre, attraverso la nostra fede nel Messyah, nel nome del Messyah.


Yahushua

Così sia.





(sotto la trascrizione del testo)


In ebraico il nome del Creatore è composto da quattro lettere. Questo nome è spesso chiamato “Tetragrammaton”, cioè parola di quattro lettere.

In ebraico, il tetragramma si pronuncia con le lettere: Yod Hay Vav Hay.

Y H V H

Il terzo comandamento dice che “non dobbiamo pronunciare il nome del nostro Creatore invano”, cioè che non dobbiamo pronunciare il Tetragramma invano.
Ci sono tuttavia diverse interpretazioni su quale sia il vero significato di questo comandamento. La tradizione giudaica vuole che il comandamento significhi il DIVIETO di PRONUNCIARE il Tetragramma ad alta voce. Da qui la necessità di sostituirlo con altre parole, come “Adonai” (Signore dei signori) oppure “HaShem” (che significa “il nome”).

In questo studio, spieghiamo perchè questa pratica non sia affatto coerente con le Scritture.

In breve, nell'antica Israele (e nella Torah), gli Israeliti DOVEVANO PRONUNCIARE il nome del Creatore.

In Ruth 2:4 vediamo che il nome del Creatore è usato come saluto quotidiano, e anche come una forma di benedizione.
In Numeri 6:24-26 nella benedizione del Sommo Sacerdote, il Creatore comanda di invocare il suo nome tre volte distintamente, così che il suo popolo possa ricevere la Sua benedizione.
In Salmi 91:14 il Creatore ci dice che BENEDIRA' coloro che CONOSCONO il SUO NOME e che INVOCANO il suo nome.

Ci sono moltissimi altri esempi scritti che spiegano perchè il Creatore vuole che usiamo il suo nome, ma questi dovrebbero bastare a dimostrare il fatto che Egli desidera espressamente che il suo nome sia pronunciato piuttosto che nascosto.
Il nostro intento in questa sede è di spiegare come possiamo pronunciare il tetragramma (Yod Hay Vav Hay).

Ad ogni modo, per riassumere: la lettera ebraica Yod (o Yud) si pronuncia “yuh” “ee” o “yee” a seconda della vocale ad essa associata, ma fondamentalmente la lettera Yod produce un suono corrispondente a “i” “ai” o “y”.
La lettera ebraica Hay si pronuncia “ah”, “eh” o “huh”, e contiene fondamentalmente un suono di acca aspirata.
La lettera ebraica Vav si pronuncia “vuh”, “wuh”, “oh” o “u”, cioè produce un suono corrispondente a una “v”, a una “w” o a una “u”.
L'ultima lettera del Tetragramma Hay si pronuncia come sopra.
Fra un momento parleremo di come possiamo pronunciare tutti questi suoni insieme (guardare il video) ma prima dobbiamo chiarire che cos'è il testo “Masoretico” ebraico in cui si trova il nome del nostro Creatore.
Il testo ebraico da cui sono tratte tutte le maggiori traduzioni odierne delle Scritture è chiamato testo Masoretico. Esso fu compilato da un gruppo detto dei “Masoreti” nel Medioevo. Il termine Masoreti significa “Signori della Tradizione”.

I Masoreti compilarono la loro versione del testo ebraico all'incirca tra il 700 e il 1000 d.C.
L'ebraico è sempre stato scritto esclusivamente con le consonanti ma come l'inglese, anche l'ebraico è formato sia da consonanti che da vocali.
E proprio come in inglese, la pronuncia di queste combinazioni di lettere può cambiare a seconda delle diverse combinazioni di consonanti e vocali.
Consideriamo ad esempio le diverse pronunce delle parole inglesi through, cough, bough, brought, tough; tutte queste parole contengono la combinazione di lettere “ough” eppure hanno ciascuna una pronuncia diversa. Lo stesso principio si applica all'ebraico.

Il testo Masoretico ebraico fornisce determinate vocali da associare al tetragramma, che ci SUGGERISCONO quale sia la pronuncia del Nome Divino [VOLUTA] dai Masoreti. Gli studiosi hanno versioni contrastanti sul quando e sul come queste vocali siano state inserite, ma se si pronuncia il tetragramma per come è REDATTO nel testo Masoretico, si ottiene come risultato “Yehovah”.

Secondo i "Signori della Tradizione" qui lo Yod con i due punti sotto ha il suono “yee”, la Hay produce il suono di un'acca aspirata “ah” e qualche volta si ottiene un suono “ho” aggiungendo un ulteriore puntino in alto a sinistra. La combinazione della Vav con la vocale simile ad una piccola T e la Hay finale produce un suono come “vah”, abbiamo quindi come risultato finale la parola:

YEHOVAH

Tuttavia questa pronuncia Masoretica non è priva di PROBLEMI. il primo problema è che essa richiede l'introduzione artificiosa di un suono “ho” appena dopo la prima lettera “-ah”; un'altro problema è che mentre l'ebraico scritto odierno usa sia consonanti che vocali, le vocali stesse non compaiono mai in forma scritta PRIMA dei testi Masoretici.
Questo vuol dire che il testo Masoretico redatto all'incirca nel 900 d.C. è il primo documento ebraico di cui si ha notizia che usi la forma scritta delle vocali.  

Molti studiosi ritengono che furono gli stessi Masoreti a creare queste vocali scritte, altri credono che i Masoreti stessero cercando di standardizzare la pronuncia dell'ebraico mettendo per iscritto vocali che erano sempre esistite ma non erano state registrate prima di quel tempo, perchè la pergamena era molto cara e scrivere anche le vocali avrebbe comportato un impegno molto più gravoso e costoso.
Comunque sia la spiegazione che se ne vuole dare, resta il fatto che nessun testo ebraico prima del testo Masoretico contiene le vocali in forma scritta.

Ad esempio, i rotoli del Mar Morto furono scritti centinaia di anni prima,  non contengono le vocali scritte, ma solo le consonanti.
 
Accettando l'ipotesi che i Masoreti abbiano trascritto vocali già esistenti e non le abbiano create ex novo, alcuni studiosi si chiedono come possiamo fare a sapere se esse rispecchiano fedelmente la reale pronuncia.

Inoltre, bisogna notare anche il fatto che, in vari punti, il testo dei "Signori della Tradizione" non concilia con un altra antica versione dell'Antico Testamento (scritta circa nel 300-400 a.C.). Quest'altra antica versione è chiamata la "Settanta" (Antico Testamento tradotto in greco). La Settanta fu originariamente commissionata dal sommo sacerdote intorno al 300-400 a.C. come traduzione ufficiale dei rotoli in lingua ebraica usati dai sacerdoti.

Essa fu redatta per essere usata da altri ebrei nel mondo, ed era al tempo stesso molto rispettata e ritenuta molto affidabile. Essendo una traduzione ufficiale, dovrebbe essere una traduzione perfetta dei testi ebraici antichi che erano in uso da parte dei sacerdoti ai tempi della sua redazione, circa 300-400 anni prima del ministero di Yahushua. Quindi, se teniamo a mente che la Settanta è una traduzione "ufficiale" molto più antica di quella dei Masoreti, possiamo notare una serie di cose sorprendenti.

Il Patto Rinnovato (anche chiamato il Nuovo Testamento) cita molti passaggi che non sono presenti nel testo ebraico Masoretico, o che in alternativa sono molto diversi dai corrispondenti Masoretici. Tuttavia questi stessi versetti compaiono nella "Settanta Greca", e di solito sono corrispondenti a quelli riportati nel Nuovo Testamento.
Alcuni studiosi anti-messianici sostengono che dal momento che il Patto Rinnovato (Nuovo Testamento) non combacia con il testo ebraico Masoretico, lo stesso Nuovo Testamento non sarebbe affidabile.
 
Secondo la loro logica, anche se il Nuovo Testamento ha delle corrette corrispondenze con la più antica Settanta greca, poiché esso non combacia con il più recente documento ebraico Masoretico, non può essere ritenuto degno di fede.
Tuttavia, questo criterio è diametralmente opposto a quello usato generalmente per determinare l'accuratezza nei documenti antichi.
Di solito, più un testo è antico, e più si presume che esso sia affidabile.


Fine della prima parte...