SEMPLICEVERITA'

TUTTO E' RELATIVO, MA SOLO UNA E' LA VERITA'

Share








(sotto la trascrizione del testo contenuto nel video)

Di solito, più un testo è antico, più esso è considerato autorevole ed affidabile.
Dal momento che la "Settanta" è una traduzione ufficiale dell'antico testo ebraico, e dal momento che essa è notevolmente più antica del testo Masoretico, in realtà dovrebbe essere il testo ebraico Masoretico ad essere stato alterato.

Alcuni studiosi vedono nella differenze tra la Settanta ed il testo Masoretico una dimostrazione del fatto che il testo Masoretico potrebbe essere stato alterato intenzionalmente, con il proposito di screditare il Nuovo Testamento (Patto Rinnovato). Molti studiosi concordano sul fatto che il testo ebraico Masoretico fu elaborato nel corso di molte centinaia di anni (c.ca dal 700 al 1000 d.C.), in un tempo in cui gli ebrei venivano perseguitati in Europa.

Il proposito dichiarato del testo Masoretico era di standardizzare il testo, di correggere eventuali errori che si fossero insinuati nel testo nel corso dei secoli, e infine di standardizzare la pronuncia dell'ebraico, attraverso la definizione e lo sviluppo di un sistema di vocali scritte.


Tuttavia, alcuni studiosi hanno anche suggerito che il testo Masoretico avrebbe avuto un proposito segreto, quello di alterare il testo, e in tal modo indebolire la fede in Yahushua e al contempo rafforzare le tradizioni rabbiniche. 


Ma come viene influenzato tutto questo dalla tradizione rabbinica di nascondere il nome del Padre?

C'è disaccordo tra gli studiosi sul momento preciso in cui avrebbe avuto origine questa pratica, e sul suo perchè, ma alcuni credono che questa pratica cominciò al tempo in cui gli Ebrei andarono in esilio a Babilonia. 


I Babilonesi credevano che il nome del loro dio Marduk fosse così sacro che non dovesse essere pronunciato a voce; e si facevano beffe degli Ebrei per la loro abitudine di usare il nome del Creatore nei saluti e nelle benedizioni quotidiani, (soprannominadoli: YAHOO - ndr). Essi allora smisero di pronunciare il nome del Creatore (Esodo 20:4), per impedire ai Babilonesi di pronunciarlo invano.

La tradizione vuole, di usare il termine “Adonai”, che significa “Signore dei Signori”, al posto del tetragramma durante i momenti di preghiera, e di usare il termine “HaShem”, cioè “il nome” in ogni altra circostanza. 


Secondo la tradizione secolare (non secondo quanto richiesto dal Creatore nella Sua Parola scritta - ndr), il nome divino può essere pronunciato ad alta voce solo una volta all'anno, da parte del sommo sacerdote. Per impedire a chiunque altro di pronunciare ad alta voce il nome divino, questo fu quindi nascosto a tutti tranne che a pochi eletti, e i pochi eletti dovevano trasmettere di generazione in generazione la pronuncia corretta (solo in segreto) per via orale.
I Masoreti collocarono poi i punti vocalici nel teragramma all'interno del testo Masoretico, imponendo al lettore di non pronunciare il nome come esso era scritto, ma di sostituirlo di volta in volta con “Adonai”.

Ciononostante, alcuni studiosi credono che dal momento che l'usanza secolare era di non pronunciare il vero nome, e dal momento che la tradizione imponeva che la vera pronuncia dovesse essere celata a tutti tranne che a pochi eletti, le vocali aggiunte nel testo Masoretico avessero lo scopo di mascherare la vera pronuncia.
Ma se i Masoreti possono aver messo le vocali sbagliate per nascondere la pronuncia del vero nome, e se le vocali inserite nel tetragramma sono lì solo per ricordarci di dire “Adonai” al posto di YHVH, allora quale è la pronuncia corretta del nome del nostro Creatore?

Poiché la pronuncia di una determinata parola ebraica può cambiare a seconda delle combinazioni di vocali e consonanti, sapere con esattezza la corretta pronuncia (visto che le vocali inserite dai Signori della Tradizione sono di parte - ndr) non è certamente cosa semplice. Però ci sono varie ipotesi molto accreditate, tra cui la seguente:
Ricapitolando, la lettera ebraica Yod si pronuncia “yuh”, “ee” o “yee”, corrisponde cioè ad un suono “i”, “ai” o “y”.
La lettera ebraica Hay si pronuncia “ah”, “eh” o “huh”, ed ha fondamentalmente il suono di un'acca Aspirata;
la lettera ebraica Vav si pronuncia “vuh”, “wuh”, “oh” o “oo”, corrisponde cioè ad un suono “v”, “w”, “o” o “iu”;
l'ultima lettera Hay si pronuncia “ah”, “eh” o “huh” e corrisponde al suono di un'acca Espirata.

Sulla base di questo spelling, diversi studiosi accettano la seguente ipotesi sulla pronuncia del nome divino:

la prima lettera Yod suona come “yee”,
la seconda lettera suona come “ah”,
la terza lettera Vav suona come “u”,
e la Hay finale suona come “eh”.

Da qui verrebbe la pronuncia “Yahu-eh”.

Questo nome è spesso scritto in inglese come YAHWEH, oppure YAHUWEH.
Esistono altre variazioni, e discuteremo di una di esse.
Un'errore comune è cercare di applicare all'ebraico le regole grammaticali dell'inglese; dobbiamo ricordare che la grammatica ebraica non è la grammatica inglese: è diversa.
Tuttavia possiamo farci un'idea se consideriamo le parole inglesi “omni” (che significa “tutto”); e “potent” (che significa “potente”); insieme queste due parole si pronunciano “omnipotent”, che ha una pronuncia diversa da quella delle due componenti pronunciate separatamente.

Una popolare variazione del tetragramma è di cominciare con il nome della tribù di Giuda, che è “Yehudah”, o come dicono alcuni “Yàhudah”.
Sottraendo la lettera Dalet che dà un suono “d”, si rimane con “Yehuah” o “Yahuah”.
A questo punto la pronuncia è uguale a quella del Tetragrammaton.
Quale che sia la pronuncia corretta, dobbiamo ricordare di non dare troppa importanza allo spelling di questo nome in inglese.
Non esiste un'unica pronuncia corretta del tetragramma in inglese, dal momento che l'inglese è una lingua pagana, e non è né l'ebraico né l'aramaico. Piuttosto la cosa importante dovrebbe essere imparare a leggere l'ebraico e progredire da quel punto.

Dobbiamo considerare anche un'altra possibilità:
Che non esista affatto un'unica corretta pronuncia del tetragramma?
Genesi 2:7 ci dice che Yahweh soffiò nell'uomo l'alito della vita:
alcuni suggeriscono che YHWH sia il nostro “respiro della vita”, e che il suono del suo nome ricordi il suono del respiro umano.
Secondo questa spiegazione, lo Yod-Hay avrebbe forse il suono “Yah”, o il suono dell'inspirare, mentre il Vav-Hay avrebbe forse il suono “uweh”, cioè il suono dell'espirare.
“Yah-uweh” - (aspira - espira)
“Yah-uwah” - (aspira - espira)
Ricordiamo che questa è un'ipotesi. E che nessuno sà veramente come si pronuncia perfettamente il nome divino.
Se questa ipotesi però è quanto di più reale abbiamo, allora una qualsiasi pronuncia “soffice” come in “Yahweh”, “Yahuweh” o “Yahuwah” è teoricamente corretta, poiché tutte queste si avvicinano al suono del respiro umano.

La verità è che nessuno sa veramente come si pronuncia il nome divino, poiché la pronuncia originarianon fu trascritta. dell'episodio del roveto ardente
L'esatta pronuncia del Suo nome non ci è nota, ci è stata nascosta.

Allora sorge una domanda: Può essere che YHWH consentì che la pronuncia del Suo nome ci fosse nascosta, proprio per vedere come ci saremmo comportati gli uni con gli altri nel mezzo di una tale confusione?
1 Giovanni 4:8 ci dice che YHWH è AMORE, quindi se abbiamo una profonda relazione interiore con Lui, non dovrebbe il nostro cammino riflettere questo stesso amore?

Possa YHWH dare a tutti noi la sua pazienza con noi e questo amore, ad ogni fratello e sorella che cerchi sinceramente di seguire gli insegnamenti del Padre, attraverso la nostra fede nel Messyah, nel nome del Messyah.


Yahushua

Così sia.