SEMPLICEVERITA'

TUTTO E' RELATIVO, MA SOLO UNA E' LA VERITA'

Share




Per chi ancora non lo sapesse la Parola di Elohà Adonay ci fà comprendere pienamente cosa sia il dono delle lingue, perchè sia stato dato nel passato ai Discepoli, come si rivelava e soprattutto a cosa serviva.. chi non legge bene quello che è chiaramente scritto nella Bibbia e ne insegna l'errore anche ad altri, riceverà il saldo del suo operato direttamente dal Maestro Yahushuah.

Se tu sei un appartenente a questo tipo di chiesa, non aver timore di sapere la Verità che appartiene a colui che ce l'ha donata e non permettere che stolti uomini e donne ti inducano all'errore. Il Messyah ha dichiarato: "Conoscerete la Verità ed essa vi renderà LIBERI..", e così avviene per chi ha la buona volontà di accertarsi di ogni cosa per attenersi a ciò che è eccellente per il Creatore nostro Elohà Adonay Yahuweh. 

Seguite attentamente il video e meditate su ciò che è limpidamente scritto nella Paola di Verità, senza menzogne e senza interpretazioni religiose farisaiche:




Ravvedetevi e divenite seriamente "credenti" non come oggi che siete ancora INCREDULI come i pagani.. sì.. non ve ne accorgete, poichè non basta che diciate "Signore, Signore" per entrare nel Regno dei Cieli. 

Solo chi FA' LA VOLONTA' del Padre Eterno YAHuWEH, sinceramente, dice il Messyah "ENTRERA'" attraverso la porta stretta, perchè molti ci proveranno ma NON ci riusciranno..!!

La Verità vi renderà liberi.







PROFEZIA:

"Farò camminare i ciechi per una via che ignorano, li guiderò per sentieri che non conoscono; cambierò davanti a loro le tenebre in luce, renderò pianeggianti i luoghi impervi. Sono queste le cose che io farò e non li abbandonerò." - (Isaia 42:16) 


ADEMPIMENTO:

"Essendo dunque discendenza di Adonay Elohà, non dobbiamo credere che la divinità sia simile a oro, ad argento, o a pietra scolpita dall'arte e dell'immaginazione umana. Adonay Elohà dunque, passando sopra i tempi dell'ignoranza, ora comanda agli uomini che tutti, in ogni luogo, si ravvedano.." - (Atti 17:29-30)